Il tuo browser non supporta JavaScript!

Please check entered values.

Perché crediamo alle immagini fotografiche

Perché crediamo alle immagini fotografiche

In this lucid and concise essay, David Levi Strauss explores the relation between truth and photography. Based on the assumption that we only need to see in order to believe, Levi Strauss examines the figure of Saint Thomas in the Gospels, investigates the relation between faith and the Holy Shroud – considered by some scholars as the first proto-photographic image in history –, and discusses the contributions to the subject by critics and philosophers such as Walter Benjamin, John Berger and Roland Barthes.

A relevant portion of the book is dedicated to the writings of Vilém Flusser and to his “technical images” and to the intersection of magic and technology, while the last chapter is a reflection on contemporary times: in a world inhabited by deepfake, how has the relation between faith and photography evolved? Can we still believe images?

 

Translated by Federico Florian.

Written by
Translation of
Topic Photography
Collection il punto
Publisher Johan & Levi
Size cm 12 x 18
Pages 88 pagine
Published on 05/2021
ISBN 9788860102997
 

Condividi

Indice testuale

Capitolo 1
Vedere per credere - Beati quelli che non hanno visto - L’immagine di Dio - La prima fotografia
Capitolo 2
Credere alle immagini fotografiche secondo Benjamin - Credere alle immagini fotografiche secondo Berger - Credere alle immagini fotografiche secondo Barthes - Analogie - Al di là dell’indice
Capitolo 3
Credere alle immagini secondo Flusser - Al di là della fede
Capitolo 4
Tre fonti diverse
Capitolo 5
Senza avvenire: è possibile credere alla realtà postfotografica?
Piccola antologia di citazioni
(Omaggio a Walter Benjamin e Susan Sontag)
Bibliografia

Perché crediamo alle immagini fotografiche

Enter the code for the download.

Inserire il codice per attivare il servizio.